Il Lazio è una regione molto poliedrica, che offre numerosi spunti per trascorrere vacanze di ogni genere. Dal lungo soggiorno, fino alla breve gita fuori porta, in riva ad un lago, al mare o in montagna, magari scegliendo di affittare una casa vacanza nel Lazio. Scopriamo cosa fare nel Lazio, quali sono le mete più affascinanti, soprattutto fra quelle meno conosciute.

Il Parco del Circeo: mare e naturaParco nazionale del Circeo - AnitaVillas

Ne abbiamo già ampiamente parlato nel nostro articolo sul Parco del Circeo, ma non possiamo elencare cosa fare nel Lazio senza dedicargli almeno due righe. Istituito nel 1934, è uno dei più antichi parchi in Italia, oltre a possedere il titolo di “Risorsa della Biosfera” dell’Unesco. Il Parco del Circeo unisce la bellezza del mare con le passeggiate nella natura, fino alla scoperta della foresta di pianura più grande in Italia. Un insieme di ambienti diversi fra loro ma che si intersecano armoniosamente per creare una delle più affascinanti riserve naturali dove trascorrere le proprie vacanze nel Lazio.

Isole Pontine: ideali per un vacanza nel Lazio esclusiva

Si tratta di un arcipelago di 6 piccole isole, delle quali solo 2 sono abitate. Questo rende le isole Pontine un vero e proprio paradiso per chi vuole una vacanza lontano dal turismo di massa. L’isola di Zannone fa parte del Parco del Circeo, mentre le isole di Ventotene e Santo Stefano accolgono una riserva naturale marina protetta. Le spiagge delle isole Pontine sono spesso piccole, isolate e raggiungibili a piedi o con la barca. Un luogo incantato in cui immergersi nelle bellezze naturali, gustandosi un bagno rilassante nelle acque limpide e cristalline del Tirreno.

Lago di Bolsena: Il lago, Bolsena e MontefiasconeCosa fare nel Lazio: Lago di Bolsena

Il lago di Bolsena si trova in provincia di Viterbo. Ha una tipica forma ovale, che deriva dalla sua origine vulcanica (fra i laghi di questo genere è il più grande in Europa). La passeggiata alla scoperta del lago e dei suoi dintorni partirà da Bolsena, la città più importante sulle sue sponde e quella che ha dato il nome al lago. Imperdibile però sarà la visita a Montefiascone, da cui si gode una vista spettacolare sul lago e sulle campagne circostanti. Nelle tante taverne di Montefiascone potrete gustare un calice del famoso vino locale Est! Est! Est!.

Cosa fare nel Lazio: visitiamo ViterboCosa fare nel Lazio: Viterbo

Se sei in vacanza nel Lazio, il centro storico di Viterbo merita assolutamente una visita. Questa cittadina mantiene perfettamente inalterato il suo cuore medievale, tanto che il centro storico è uno dei meglio conservati in Italia. Viterbo ha una lunga storia da raccontare. Fu infatti sede pontificia fra il 1257 e il 1281 (salvo brevi interruzioni) e fra il 1268 e il 1271 vi si tenne il più lungo conclave della storia, durato oltre 1000 giorni. Ancora oggi ci rimane testimonianza di questo affascinante periodo grazie al bellissimo Palazzo dei Papi. Imperdibile il Duomo di San Lorenzo, adiacente al Palazzo dei Papi. La visita potrà continuare anche nei dintorni della città, alla scoperta delle campagne viterbesi, che regalano sorprese non solo artistiche, ma anche gastronomiche e vinicole.

Bracciano: il lago per le gite fuori porta

Continuiamo la carrellata di suggerimenti riguardo a cosa fare nel Lazio. Il lago di Bracciano è un lago di origine vulcanica (da qui la sua forma tondeggiante) che si trova a nord di Roma. È una delle mete preferite dai romani che vogliono concedersi una gita fuori porta. Offre infatti lunghe passeggiate, sia a piedi che in bicicletta, rilassanti spiaggette, piccoli borghi ricchi di tradizioni, di calma e di pace. Il lago ci restituisce dell’ottimo pesce fresco, che sarà possibile gustare nei tanti locali che sorgono proprio sulle sue sponde, mentre le colline che gli fanno da cornice, i Monti Sabatini, regalano prodotti tipici dell’entroterra, come i buonissimi funghi porcini.

Parco del Veio e Cascata dell’Inferno: luoghi nascosti del Lazio

A pochi passi da Roma, rimanendo nella zona del lago di Bracciano, ci attendono luoghi di cui non potevate sospettare l’esistenza. È stato recentemente istituito il Parco Regionale del Veio, una riserva che racchiude in sé percorsi alla scoperta di reperti di origine storica, sia di epoca etrusca che romana, oltre a percorsi nella natura più incontaminata. Attraverso sentieri più o meno complessi, si raggiungeranno piccole perle naturalistiche non ci aspetteremo di trovare a pochi chilometri da Roma. Ne è un esempio perfetto la Cascata dell’Inferno, un salto lungo il torrente Crèmera. Il Parco di Veio racchiude una grande varietà di ambienti diversi, passando dalle aree più urbanizzate a pochi chilometri da Roma ai pascoli collinari, fino ai boschi più interni. È possibile organizzare passeggiate a piedi, trekking più impegnativi, passeggiate a cavallo o in bicicletta.

Cosa fare nel Lazio: gita romantica a Isola dei Liri

Sei un romantico in vacanza con la tua dolce metà? Regalale una cena a Isola di Liri, sotto la scenografia magica di una vera cascata. Isola di Liri è una cittadina in provincia di Frosinone. La sua particolarità è data dal fatto di essere attraversata da un torrente interrotto da una grande salto, che crea una cascata alta ben 27 metri. La vista è molto suggestiva, ma sarà divertente anche una passeggiata alla scoperta della cittadina, con il suo Parco Fluviale, fino al Castello Boncompagni Viscogliosi, una fortezza medievale costruita per proteggere la città dalle incursioni nemiche.

Giardino di Ninfa: fascino e colori

In provincia di Latina si trova un luogo magico e romantico. Sono i Giardini di Ninfa, un parco che sorge su una superficie di oltre 8 ettari, fra rovine storiche di epoca romana e medievale, laghetti e meravigliosi fiori dai mille colori. Il suggestivo giardino si sviluppa sulle rovine della città di Ninfa, adagiata sull’omonimo fiume. Costruita in epoca Romana, Ninfa era un’importante cittadina da cui transitavano i viandanti e i commercianti che percorrevano la Pedemontana verso Roma. Passata poi sotto il dominio della famiglia Caetani, fu saccheggiata nel 1300. L’abitato venne distrutto e mai più ricostruito, soprattutto per i problemi sanitari legati alla malaria vista la zona paludosa. Per fortuna la loro bellezza è stata conservata dagli eredi dei Caetani e portata ai giorni nostri in tutto il suo splendore. Il parco è visitabile solo in determinati periodi, si consiglia di contattare l’amministrazione per giorni e orari.

Parco dei mostri: un’avventura fra mitologia e fantasiaCosa fare nel Lazio: Parco dei Mostri

Vuoi altri suggerimenti per scoprire cosa fare nel Lazio? Vicino alla cittadina di Bomarzo, in provincia di Viterbo, sorge il cosiddetto Parco dei Mostri. Conosciuto anche come Sacro Bosco di Bomarzo, si tratta di un parco, voluto dal principe Pier Francesco Orsini (detto Vicino Orsini) come dedica per la moglie Giulia Farnese. La sua costruzione risale al XVI sec. Passeggiando nel bosco di conifere e latifoglie che ospita il parco, il visitatore si imbatte in sculture in basalto rappresentanti animali mitologici, mostri e divinità, che rappresentano diverse simbologie non del tutto chiarite. Sicuramente si rifanno a opere letterarie, come la Divina Commedia, il Canzoniere e l’Orlando Furioso.

Cosa fare nel Lazio: un bagno alle Terme libere Carletti

A pochissimi chilometri da Viterbo non vi aspettereste di trovare una sorgente termale gratuita. E invece nel Lazio anche questo è possibile. Le Terme libere Carletti sono piscine naturali, create dalle acque sulfuree di cui la zona è molto ricca. L’acqua alla sorgente, ricca di zolfo, fluoro, calcio e magnesio, nasce addirittura a 58° e arriva piacevolmente calda fino alle piscine, dove è possibile fare un bagno rigenerante e salutare. Sono molte le proprietà delle acque delle Terme libere Carletti: i loro benefici si fanno sentire sul sistema muscolo-scheletrico, sull’apparato respiratorio e alla pelle. Oltre a questo, le terme sono sempre aperte: come rinunciare a un bagno romantico di notte?

Lascia un Commento

Il Tuo indirizzo email non sarà pubblicato.